Follow by Email

venerdì 7 settembre 2012

Tutte le donne con una protesi prodotta dalla francesce Poly Implant Prothese hanno diritto all'espianto gratuito


Tutte le donne con una protesi prodotta dalla francesce Poly Implant Prothese hanno diritto all'espianto gratuito e non solo quelle con un rischio evidente di rottura. Il Consiglio di Stato ha dato torto al ministero della Salute, accogliendo così il ricorso del Codacons contro le linee guida che prevedevano solo in alcuni casi l'espianto e la sostituzione a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale delle protesi difettose diventate un caso internazionale perché sospettate di essere prodotte con un materiale nocivo e a rischio rottura.

Dopo il censimento che ha permesso di identificare il numero delle donne a cui erano state impiantate le protesi, circa 4.500, il ministero della Salute aveva emanato un provvedimento che prevedeva l'espianto e la sostituzione gratuiti solo in alcuni identificati casi e non per una richiesta generica dettata da paura o insicurezza. Sul caso era intervenuto il Tar del Lazio che aveva accolto cautelativamente il ricorso del Codacons con un'ordinanza del 30 aprile in cui dava 20 giorni al ministero per modificare il provvedimento, scrivendo che "è necessario che il ministero della Salute riveda la possibilità di estendere i principi fissati, in relazione all'espianto e al reimpianto, a carico del Servizio Sanitario Nazionale, delle protesi Pip, alle donne che lo richiedano, inserendo in coda alla lista di attesa le istanti che non abbiano una prescrizione medica che ha attestato la necessità della sostituzione".

Il Consiglio di Stato ha praticamente confermato il 1 settembre l'ordinanza del Tribunale regionale sottolineando che non si “ravvisano ragioni” per modificare la decisione del Tar e formulando un orientamento indirizzato al ministero per l'accoglimento di tutte le domande, eventualmente inserendo quelle delle donne che chiedono la rimozione per motivi psicologici in coda alle liste d'attesa dopo i casi più urgenti e gravi. http://salute24.ilsole24ore.com/articles/14599-protesi-pip-il-consiglio-di-stato-da-torto-al-ministero-espianto-per-tutte-le-donne

Nessun commento:

Posta un commento