Follow by Email

mercoledì 18 gennaio 2012

Scoperti farmaci anti-malaria falsi, milioni di persone a rischio

Scoperti farmaci anti-malaria falsi e di scarsa qualità, che stanno mettendo a rischio la salute dei pazienti e gli sforzi per controllare la malattia in Africa. Con rischi mortali per milioni di persone. Questi farmaci contraffatti, infatti, possono far male ai pazienti e favorire la resistenza ai farmaci tra i parassiti della malaria, avverte lo studio finanziato dal Wellcome Trust. E secondo la ricerca, alcuni di questi medicinali sarebbero stati realizzati in Cina.

I ricercatori del Wellcome Trust Mahosot Hospital dell'Oxford University Tropical Medicine Research Collaboration hanno pubblicato il loro lavoro sul 'Malaria Journal'. Gli studiosi hanno esaminato farmaci anti-malaria falsi o di qualità scadente che sono stati trovati in vendita in 11 Paesi africani tra il 2002 e il 2010. Così hanno scoperto che alcuni contenevano una miscela di ingredienti farmaceutici sbagliata, che inizialmente avrebbe alleviato i sintomi della malaria, senza però curare la malattia.

Alcuni degli ingredienti presenti nelle compresse potrebbero inoltre causare effetti collaterali potenzialmente gravi, spiegano i ricercatori, soprattutto se vengono abbinati ad altri farmaci come gli antiretrovirali per il trattamento dell'Hiv. Non solo: il parassita della malaria dopo un certo periodo di tempo può sviluppare una resistenza ai prodotti utilizzati per trattarlo, come è successo in passato con la clorochina e la meflochina. I ricercatori temono che i medicinali fasulli potrebbero provocare un effetto analogo per l'artemisinina, uno dei farmaci più efficaci oggi utilizzati contro la malaria.

Piccole quantità di derivati dell'artemisinina, infatti, sono state scoperte in alcuni dei prodotti contraffatti: venivano usate per consentire alle compresse di superare i test di autenticità. Concentrazioni troppo ridotte per curare, ma non per favorire la farmaco-resistenza.

Non solo. I ricercatori hanno anche scoperto che alcuni medicinali taroccati sarebbero stati prodotti in Cina. L'origine asiatica dei falsi è svelata, spiegano, da tracce di polline trovate in alcune delle compresse.

Il ricercatore principale dello studio, il Paul Newton, ha chiesto misure urgenti da parte dei governi africani per contrastare la contraffazione di antimalarici. "Non intervenire metterà a rischio la vita di milioni di persone, soprattutto bambini e donne incinte", ha detto il medico alla Bbc online.http://www.adnkronos.com/IGN/Daily_Life/Benessere/Farmaci-anti-malaria-contraffatti-milioni-di-persone-a-rischio-in-Africa_312868648531.html

Nessun commento:

Posta un commento