Follow by Email

martedì 27 settembre 2011

Trovato composto capace di distruggere moltissimi virus influenzali

Un composto testato dagli scienziati del Southwestern Medical Center della University of Texas si e' mostrato capace di distruggere moltissimi virus influenzali, incluso quello della mortale influenza spagnola che uccise 30 milioni di persone nella pandemia del 1918. La sostanza, che agisce incrementando i livelli di una proteina antivirale umana, potrebbe potenzialmente diventare un farmaco che combatte l'influenza, vincendo le sue numerose mutazioni che tendono a sviluppare ceppi sempre piu' resistenti ai medicinali. La scoperta e' stata pubblicata sulla rivista Nature Chemical Biology. Secondo i National Institutes of Health americani, sono piu' di 200mila ogni anno le persone che vengono ricoverate causa influenza. Nel mondo, l'influenza uccide 500mila persone ogni anno. Negli ultimi test effettuati dai ricercatori, la nuova sostanza si e' mostrata efficace contro tre tipi molto resistenti di influenza, come quella legata al virus del vaiolo e a virus animali, oltre che contro il virus pandemico della spagnola del 1918. L'azione del composto si esercita su una proteina umana chiamata REDD1, stimolando la sua azione antivirale. Azione che e' stata proprio scoperta nell'ambito di questo studio: sembra, infatti, che la REDD1 rivesta un ruolo chiave come barriera contro le infezioni e, inoltre, inibisca i segnali che regolano la proliferazione delle cellule e del cancro. Gli scienziati sono partiti dai test su 200mila sostanze candidate e sono poi arrivati a 71 composti che hanno reagito positivamente. Fra questi, sono stati selezionati due promettenti composti che ora saranno usati per arrivare a un farmaco che, pero', a detta degli esperti, potrebbe anche richiedere 10 anni prima di essere messo a disposizione del pubblico. (AGI)

Nessun commento:

Posta un commento