Follow by Email

martedì 20 settembre 2011

Come curare l'Herpes symplex

Contro l’herpes symplex sono indicate toccature con tintura madre di Echinacea, Propoli, Calendula, Iperico, Propoli al 20% o utilizzare un composto/gel di oli essenziali di camomilla, limone, lavanda, menta, salvia, tea tree (in farmacia) che favoriranno la guarigione. Se hai spesso delle recidive puoi prendere 1/2 volte al giorno, 30 gocce di tintura madre di rosa canina, di echinacea o di propoli (in farmacia o in erboristeria). L’omeopatia propone una serie di rimedi come Rhus toxicodendron 7 CH, Ranunculus bulbosus 5 CH, Mezereum 5CH o Cantharis 5CH. Dall’Herpes non si può guarire, ma si possono adottare strategie difensive per contenerne gli effetti negativi e ridurre al minimo i disagi. Quando si superano le 6-8 manifestazioni nell’arco dei dodici mesi, si può tentare di contenere l’insorgenza delle vescicole assumendo quotidianamente vitamina C, soprattutto nei periodi di malessere o forte stress, mantenendo l’organismo depurato, riposando il necessario, evitando di esporsi al sole subito prima del ciclo mestruale e rispettando alcune semplici regole.

Per fermare il virus non bisogna perdere tempo. Se si agisce entro le prime ore dalla comparsa dei sintomi si può avere la meglio:
  1. Conoscere il nemico e le situazioni che lo scatenano (stress, febbre, ciclo mestruale, un’intensa esposizione ai raggi UV, piccole ferite sulle labbra, eccessi di alcolici, caffeina, carboidrati raffinati, zucchero).
  2. Imparare a riconoscere i primi sintomi che segnalano la sua imminente comparsa, di solito entro 6/12 ore, per agire subito con farmaci in grado di contenerne la proliferazione: rossore, pizzicore, prurito, bruciore.
  3. Applicare una pomata a base di Aciclovir; se invece le vescicole sono già comparse un medicinale con Penciclovir, aiuterà a ridurre entità e durata della lesione.
  4. Per accelerare la cicatrizzazione delle crosticine giallastre, si può applicare localmente una crema a base di sucralfato micronizzato o di acido ialuronico.
  5. Chi soffre periodicamente di herpes labiale, dovrebbe proteggete le labbra con un filtro solare alto quando si espone al sole intenso, soprattutto sulla neve o nel caso si facciano lettini abbronzanti. Anche a tavola ci si può aiutare. Come? Per esempio, privilegiando un’alimentazione sana ed equilibrata ricca di vegetali crudi, yogurt e alimenti acidi. Così si rinforzano le difese immunitarie e si tengono lontane le recidive.
Ecco cosa non fare assolutamente una volta che le vescicole dell'herpes si sono rifatte vive:
  1. La prima regola è quella di non toccare le vescicole e poi il viso, soprattutto gli occhi: il rischio che si corre è quello di diffondere l’infezione ad altre zone del corpo.  
  2. Prestate particolare attenzione agli occhi perché lì l'herpes è davvero dolorosissimo
  3. I rimedi fai-da-te, come l’applicazione di dentifricio, etere, aglio: sono inutili e possono favorire altre infezioni.   
  4. Truccare le labbra e utilizzare gli stick labiali (rossetto, burro di cacao, ecc.) in comunità: possono essere fonte di contagio e diffusione del virus.    
  5. Baciare labbra e pelle di altre persone: fino a quando le vescicole non sono scomparse trasformandosi in crosticine, sono molto contagiose.  
  6. Assumere alimenti troppo caldi o troppo freddi: danno sensazioni molto fastidiose nelle zone dove c'è la lesione.  
  7. http://www.piusanipiubelli.it 

Nessun commento:

Posta un commento