Follow by Email

martedì 27 settembre 2011

Aumentano i casi di melanoma

Troppo sole, radiazioni ultraviolette in aumento, il boom dei lettini solari. Sono alcune delle cause che hanno portato a un preoccupante aumento dei casi di melanoma soprattutto tra i piu' giovani: da qui l'importanza di tenere sotto controllo la pelle, i nei in primis, proprio per prevenire l'insorgenza del tumore.
  'Diagnosi in periferia' e' il progetto pilota di Federfarma, Regione Campania e Istituto dei Tumori Fondazione G.Pascale di Napoli per combattere il melanoma. In un centinaio di farmacie del capoluogo partenopeo ci saranno delle postazioni con un dermatoscopio. La foto del neo sospetto viene poi inviata attraverso Internet all'Istituto G.Pascale ed entro 72 ore e' pronta una valutazione. Un progetto questo che riprende quello gia' operative in Puglia nella Provincia Bat (refertato dallo stesso istituto Pascale). Di "diagnosi in periferia" parla, a margine del 36esimo Congresso europeo di Oncologia medica in corso a Stoccolma, il dottor Paolo Ascierto, dirigente medico dell'Unita' di oncologia medica dell'Istituto dei Tumori Fondazione G.Pascale di Napoli. Un progetto che nasce anche "dalla necessita' di avere, contro questa patologia, un gioco di squadra, un team dermatologo, chirurgo e oncologo".
  Aumentano sempre piu' i casi di melanoma, "patologia - sottolinea Ascierto - che addirittura diventa una delle principali neoplasie nella fascia di eta' tra i 20 e i 40 anni.
  Una volta il melanoma era la malattia degli anziani. Adesso si sta spostando verso l'eta' giovanile". L'indiziato numero uno e' il sole, le radiazioni ultraviolette. Le abitudini sono cambiate e si preferiscono esposizioni intense e intermittenti.
  Niente di piu' nocivo per la pelle. "E' difficile vedere un melanoma, anche se c'e', nei contadini e nei marinai - spiega Ascierto - non sono frequenti come sono frequenti nei cosiddetti 'colletti bianchi'". I consigli sono sempre quelli di evitare un'esposizione nelle ore piu' intense (12-16) e usare sempre un'alta protezione solare "ricordando che non esiste la protezione totale". Da eliminare completamente le lampade solari: "E' come il fumo di sigaretta". Chi ha fatto uso del "sole artificiale" prima dei 30 anni di eta' ha "il 75% del rischio di riscontrare un melanoma". Il dottor Ascierto snocciola i dati della patologia che ogni anno conta 7.000-8.000 nuovi malati. Le morti per melanoma sono invece tra i 1.500-1.600. "Come istituto De Pascale - continua - abbiamo proposto un registro nazionale della patologia per vedere negli anni la reale incidenza. E' una patologia che colpisce di piu' al Nord, dove l'incidenza e' di 12-14 persone per 100 mila abitanti, mentre in Sicilia siamo sui 6-7". (AGI) .

Nessun commento:

Posta un commento